17 dic 2009

Oggi un X-MAS Post per tutte voi

Di solito uso questo blog per tutto ciò che riguarda le mie creazioni, l'handmade ed il mondo del gioiello, ma oggi invece ho deciso di parlarvi del natale, che a me piace tanto :-)
Non sto tanto a filosofeggiare sul suo significato, sul consumismo o no, sulla religiosità dell'evento, a me il natale piace perchè è una delle occasioni che si hanno per stare con la propria famiglia, e poi mi piace l' idea di ringraziare, almeno una volta all'anno, le persone a me care con un regalo. E`vero non c'è bisogno del natale per questo, ma è un'occasione per farlo ed il regalo può essere simbolico, un pensierino, fatto a mano o comprato, sempre diverso e sempre pensato per la persona che lo riceve.
Quest'anno io non sarò in Italia, io e il mio ragazzo per non deludere nessuno e per venirci incontro, festeggiamo un natale in Italy e uno in Danimarca - lui è danese.
Lo scorso anno eravamo in italia e quindi quest'anno siamo in danimarca. Al di la del fatto che come ogni natale in danimarca mi mancherà molto la mia famiglia, ma questo a parte io adoro il natale danese e voglio raccontarvelo un pochino:

* innanzitutto in danimarca non si usa fare il presepe, ma l'albero di natale è davvero al centro dell'attenzione, lo si prepara il giorno dell' antivigilia e molto spesso con decorazioni di famiglia che si tramandano di generazione in generazione

* il 24/12 è il giorno più importante e si balla intorno all'abero di natale, cantando canzoni tipiche tradizionali danesi (io con il mio danese da principiante canticchio direi...hi hi hi). Il menù della vigilia è completamente diverso da quello italiano, si ha una sola portata infatti, ma bella corposa:
si mangia infatti l'anatra con due tipi diversi di patate e se non erro come contorno diversi tipi di cavoli (mi sembra quello rosso e quello verde, ma non ne sono più sicura). Il dessert è un dolce tipico natalizio un riso-latte dolce alle mandorle: attenzione è in una scodella grande e ognuno se ne prende una porzione. Da qualche parte è nascosta una mandorla intera e chi la trova vince un premio, di solito qualcosa di dolce. Hi hi hi, io ho trovato la mandorla sia la prima che la seconda volta, quindi insomma non credo che il destino scelga me di nuovo, ma forse è meglio cosi per la mia linea. E poi arriva il momento dei regali, per fortuna non si aspetta mezzanotte, dico per fortuna perchè i regali vengono aperti singolarmente uno a uno a turno, in modo che tutti vedano e partecipino allo scambio. E questo mi piace molto, è bello vedere il sorriso e la gioia negli occhi delle persone che aprono i regali e scoprono cosa c`è nel pacchetto...

* il 25/12 ci si incontra verso mezzogiorno per fare la colazione natalizia, cosi la chiamano loro ed è base di arringa in ogni variante (sotto aceto, al curry, con cipolla), e poi mi pare (se la memoria non mi inganna) ci siano polpettine varie, crackers, biscotti e naturalmente birra tipica natalizia - che si trova solo in questo periodo dell'anno ed acquavite danese (che insomma a dire il vero non mi entusiasma, ma siccome sono le loro tradizioni io cerco di partecipare...)

* il 26/12 di solito non si festeggia, ma si passa la giornata comunque insieme a chiaccherare, guardare film o cartoni animati natalizi

Beh spero di non avervi annoiato, credo che la maggiorparte di voi non conosca il natale danese e mi sembrava carino descrivervelo :-)
e con questo auguro a tutte voi un sereno natale, vigilia e santo stefano.
E faccio a tutte voi anche già gli auguri per un felice 2010, pieno di serenità e creatività per tutte noi!

Io domani parto già per DK e quindi non credo di riuscire a seguirvi nei prossimi giorni, ma sicuramente al mio rientro!

Marga

8 commenti:

Marzia ha detto...

Che post interessante, Marga! Grazie per aver condiviso questo racconto con tutte noi.
Credo che tu sia molto fortunata a poter vivere un "doppio Natale". Conoscere nuove tradizioni ed usanze è sempre interessante e stimolante.
La cosa che più mi ha colpito, di queste tradizioni, è la presenza costante della famiglia (intesa come gruppo, come unità). Anche solo il fatto di aprire uno per uno i regali è sintomo, secondo me, di unità e calore familiare!


P.S. Probabilmente, se vivessi un "Natale Danese", mi rimpinzerei come una maialina ma... il 25 starei quasi a digiuno! L'arringa proprio nun me piace ;)


Ti auguro di passare un gioioso Natale! :)



Marzia

Perline e bottoni ha detto...

E allora buon Natale! Che bel racconto. Mi raccomando, tante foto...

cinziacrea ha detto...

Tanti tanti auguri cara Marga.
E' bello festeggiare con chi ti vuol bene, e certamente la tua famiglia in italia ti sentirà comunque vicina.
Hai fatto una bella presentazione per il natale danese.....mi piace anche il menu....comprese le arringhe.
Mi associo a Paola, fai tante foto!
Un bacio grande grande, passa delle feste gioiose....e poi si vedrà.
Ciao Cinzia.

rachele ha detto...

così ogni tuo Natale sarà sicuramente speciale!!
ti abbraccio forte, ciao rac

CartEssenza ha detto...

Tanti auguri Marga!!! Molto interessante la descrizione del natale danese ^__^
Bacioni,
Mae

Alessia ha detto...

Marga che bello il tuo racconto! Le tradizioni nordiche sono molto affascinanti, a me piacciono tantissimo, A dire il vero più delle nostre... Ma io praticamente un Natale così non l' ho mai vissuto, e non mi rimane che sognare pensando a quelle atmosfere!
Ti faccio i miei auguri più sinceri, dal cuore, trascorri delle bellissime fetse e ci sentiamo al tuo rientro!
Alessia

RedFenyx ha detto...

Ma che bella la Danimarca! Mi sono innamorata della piccola e adorabile Copenhagen! ^^
Di che citta' e' il tuo ragazzo?
Grazie per averci resi partecipi delle usanze nordiche :-)
Ti auguro buoni festeggiamenti!
Besos,
S.

Pulcinsky - my jewelry box ha detto...

Grazie ragazze per i vs commenti. Sono rientrata a Berlino, in DK è stato tutto molto nordico e bello come sempre, ma soprattutto molto bianco, tantissima neve ed un bianco natale!!!! Avete sicuramente voi, me ne rendo conto anche io, di essere molto fortunata ad aver incrociato una cultura molto diversa dalla mia (nostra) e aver aperto la mia mente ed il mio cuore a tradizioni diverse e bellissime.
Ora vi svelo anche dove sono andata, infatti cara Saori, il mio ragazzo è di Herning una piccola città nel centro dello Jutland, piccola e pittoresca! Però conosco molto bene anche Copenhagen, dove ormai sono di casa, almeno un paio di volte all'anno andiamo a trovare i cari amici del mio ragazzo. E tutta la danimarca in generale la trovo così interessante.
Mi fermo qui e vi auguro buon anno!!!!

Marga